Guerra

I disordini in Armenia entrano in una nuova fase

20.07.2016

Nella capitale armena di Yerevan è inquieta. I sostenitori dei banditi, che hanno sequestrato la stazione di polizia nel distretto di Erebuni, hanno organizzato una manifestazione a sostegno di loro e hanno cercato di sfondare il cordone di polizia. 51 persone sono rimaste ferite. I disordini si sono continuati fino alle prime ore. Alle 4:00 del mattino, la polizia ha cominciato ad arrestare i manifestanti più violenti. Tra di loro c'era un deputato dell'opposizione, Nikol Pashinyan. E’ previsto un aumento dell’attività di protesto dopo le prime vittime del conflitto.

Gli Stati Uniti riprenderanno la guerra in Donbass

19.07.2016

Le truppe ucraine hanno iniziato gli attacchi in Donetsk. Il comando operativo della RPD avverte di provocazione, che preparano gli ucraini:

"La situazione nella direzione di Donetsk tende ad aggravare. La parte ucraina per un paio di giorni si sta preparando per condurre una provocazione sulla larga scala volta a giustificare la mancata dei suoi obblighi derivanti dagli accordi Minsk di Kiev e il fallimento delle elezioni per gli enti locali", - detto in un comunicato.

Gli Stati Uniti vanno volutamente allo scontro con la Russia in Siria

17.06.2016

I 51 dipendenti del Dipartimento di Stato americano hanno chiesto il presidente Obama d’iniziare a combattere le forze del governo di Bashar Assad in Siria. Secondo Wall Street Journal, l'edizione americana, i diplomatici sostengono questa posizione perché hanno bisogno di distruggere LIH. A loro avviso questa ragione è principale per l'esistenza di gruppi terroristici e la mancanza della democrazia in Siria.