Fuoco

Pan è vivo e danza al fianco degli Uomini

16.11.2016

Si pretendere di sapere che i nativi americani, gli arii d'oriente, i giapponesi, ed ogni altro popolo o civiltà del cosmo, abbiano celebrato per secoli, millenni, i propri riti in maniera "sterile" (atteso che da quel che si afferma la controparte rituale invisibile era ormai lontana dagli uomini). Con ciò, inoltre, si afferma l'inutilità e l'inifluenza della cristianità, il cui collegamento col divino sarebbe da considerarsi, secondo queste teorie, soltanto una illusoria allucinazione. Quindi, tutto irreale, sterile, nullo, perchè successivo alla percepita voce che parlò della morte di Pan. L'intento mortifero, ottundente, distruttivo, di questa teoria, non viene certo compensato dalla pretesa crescita e responsabilità spirituale degli uomini. Gli Dei non si sono ritirati, né tanto meno sono svaniti o morti. Essi attendono la chiamata di uomini risvegliati, tornati Signori di sé, reintegrati interiormente attraverso la costituzione del Re individuale, il sovrano interiore, il regnante dell'anima propria, che, Re tra i rinnovati Re, riporterà ordine ed armonia sulla terra. Che gli Uomini tornino sacerdoti e guerrieri, e le donne sibille e sacerdotesse, madri e spose d'eroi. Rifulgano i Fuochi e le acque ritornino chiare e pure. Solo attraverso tali elementi si parla col Cielo, e dedicarsi ad essi corrisponde, per l'uomo pio, al gesto del guerriero che affila la lama...

Di Fuoco il mondo noi avvolgerem...

15.11.2016

Nei prossimi anni dovremo far emergere l'artificio modernista, le false illusioni di felicità materiale, smascherando l'inganno capitalista e marxista, finanziario e materialista: le quattro braccia armate della distruzione.

Donald Trump: la palude e il fuoco

14.11.2016

"La Palude" sta per diventare il nuovo nome della setta globalista: gli adepti della società aperta, i maniaci LGBT, l'esercito di Soros, i post-umanisti e così via. Bonificare la palude non è un imperativo categorico solo per l'America.