Kurdistan iracheno cerca l’assistenza dalla Russia

Lunedì, 7 Novembre, 2016 - 11:00

Come ha riferito Falah Bakir, è il capo del Dipartimento Relazioni Internazionali del governo del Kurdistan iracheno, sono stati richiesti l’assistenza umanitaria per i rifugiati e il sostegno militare.

"Abbiamo fatto una richiesta per sostenere le forze peshmerga, che si battono contro il terrorismo a fronte dell’ISIS per più di due anni", - ha detto Falah Bakir.

Mosca non ha dato ancora una risposta formale, ma è noto che la riunione, dopo la quale è stata annunciata l’inchiesta, ha avuto luogo su iniziativa della Russia, che, del resto, anche in passato ha fornito una varietà di assistenza al Kurdistan iracheno. Inoltre, si segnala che le azioni della coalizione USA in Iraq, in contrasto con le forze peshmerga, sono controproducenti, come è stato più volte sottolineato a un livello elevato.

Da questo possiamo concludere che la Russia, molto probabilmente, non rifiuterà l’inchiesta di Erbil (la capitale del Kurdistan iracheno).

Nel frattempo, al momento le forze peshmerga stanno lanciando l’offensiva sull’ISIS nella zona Ba`shiqah. E’ stato riferito che le forze curde sono entrate nella città strategica due settimane dopo la sua circonduzione, l'operazione per liberare Ba`shiqah è iniziata il 23 ottobre.