Un’unione giusta: a Minsk è iniziata la riunione del Consiglio intergovernativo eurasiatico

27.10.2016

Il 27 ottobre a Minsk inizierà la riunione del Consiglio intergovernativo eurasiatico, durante il quale si prevede di discutere la bozza del nuovo codice doganale e il progetto di bilancio approvato dal sindacato per il 2017. L'incontro si svolge a livello di capi di governo delle associazioni aderenti.

Una vasta gamma di questioni

Inoltre, la sessione prenderà in considerazione gli aspetti come: lo stato di sviluppo del meccanismo per monitorare la circolazione delle merci nel territorio della CEEA, alcune questioni di politica commerciale, tra cui la procedura per l'applicazione di misure antidumping, i temi delle attività internazionali della Commissione economica eurasiatica.

Unione robusta

CEEA è un'associazione internazionale di integrazione economica creata il 1 gennaio nel 2015 sulla base dell'unione doganale e lo spazio economico comune. Ora i membri della CEEA sono la Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan. Al momento, la CEEA sta preparando un accordo sulla zona di libero scambio con 15 paesi.

Un esempio per l'UE

In un contesto di collasso della struttura dell'Unione Europea, la CEEA, invece, indica le prospettive di espansione e il rafforzamento ulteriormente dell'organizzazione. Una ragione di questo è che i membri della CEEA sono i paesi che facevano parte dell'Impero russo e l'Unione Sovietica, e quindi hanno una lunga storia di collaborazione e lo sviluppo. L'UE, al contrario, si compone di stati che hanno tradizionalmente gareggiato uno con l'altro ed è un esempio del cosiddetto approccio "innaturale".