Trump di nuovo colpisce l’establishment americano

vince Trump
08.08.2016

50 membri del partito repubblicano, per lo più rappresentanti della lobby neoconservativa hanno invitato a non votare per Donald Trump, il candidato ufficiale dei repubblicani alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Sotto la lettera aperta, pubblicata dalla stampa americana, ci sono tra gli altri la firma dell'ex direttore della CIA, Michael Hayden, dell’ex vice segretario di Stato ed ex direttore della National Intelligence, John Negroponte, dell'ex presidente della Banca Mondiale ed ex vice segretario di Stato degli Stati Uniti, Robert Zoellick, e dell'ex ministro della sicurezza nazionale degli USA, Michael Chertoff.

La risposta di Trump

Donald Trump ha già risposto ai suoi avversari. Il candidato presidenziale ha accusato loro di essere responsabili della creazione di un mondo di caos, come gli architetti di un fallimento della politica estera statunitense. A sostegno di Trump sono  stati i generali Keith Kellogg e Michael Flynn, l’ex capo del Dipartimento di Intelligenza agenzie di difesa.

L’economia di Trump

Inoltre, Donald Trump ha parlato della politica economica a Detroit. Il programma di Trump è quello di ridurre e semplificare il carico fiscale, l'uscita del Partenariato Transpacifico e la revisione della NAFTA. Trump ancora una volta ha affermato: "l’americanismo non è globalismo, questo nostro credo!".