In Kazakistan plebiscito euroasiatico alle elezioni

Nella giornata di ieri il Kazakistan ha tenuto le elezioni per la camera bassa del parlamento (Majlis). Il partito del presidente Nursultan Nazarbayev, “Nur Otan”, come ci si aspettava, ha ottenuto una nettissima vittoria. “In tal modo – commenta la rivista russa di geopolitica “Katehon” – il presidente del Kazakistan ha dimostrato che il corso del paese sarebbe a favore della politica sovranista e dell’integrazione eurasiatica”. “Nur Otan” ha ricevuto l’82% dei voti. Al secondo posto si è imposto, staccatissimo, il partito “Ak Zhol” con il 7,18% dei voti, mentre il Partito Comunista del Popolo del Kazakistan ha avuto il 7,14%. Gli altri partiti non hanno superato lo sbarramento del 7 per cento, soglia sotto la quale non esiste rappresentanza parlamentare. “I risultati delle elezioni – sottolinea l’analista russo Leonid Savin – dimostrano che i cittadini kazaki sono favorevoli alla politica del presidente. La particolarità del Kazakistan è che il paese sta cercando di coniugare una politica che cerca di preservare la propria sovranità all’interno di un programma di integrazione eurasiatica. E’stato proprio Nazarbayev, nel 1994, il primo statista che ebbe l’idea di creare una Unione Eurasiatica”.

(agiellenews.it)