USA: Sempre più probabile la matrice islamica dell'attentato di sabato sera a New York

Lunedì, 19 Settembre, 2016 - 14:15

Si fa sempre più probabile la matrice islamica e terroristica dell'attentato che ha colpito New York sabato sera, provocando 29 feriti. La polizia ha, infatti, diffuso la fotografia del principale sospettato: si tratta del 28enne afgano naturalizzato americano, Ahmad Rahami, residente a Elizabeth, la stessa cittadina del New Jersey - a ridosso dell'aeroporto internazionale di Newark - dove nella notte gli inquirenti hanno trovato cinque bombe nascoste in uno zaino. Diversi funzionari di polizia, secondo quanto riportato dalla Nbc News, cominciano a temere che una cellula terroristica attiva composta da molteplici attori possa essere al lavoro nell'area di New York e New Jersey. Da parte sua, il governatore di New York Andrew Cuomo ha detto che le bombe di New York potrebbero essere un atto di terrorismo con legami internazionali. Quasi contemporaneamente al ritrovamento delle 5 bombe, la polizia ha arrestato a un posto di blocco di New York cinque persone sospette - tutte residenti di Elizabeth - nel corso delle indagini sulla bomba nella Grande Mela. Per ora non trapelano indiscrezioni sugli arresti: è certo solo che sono tuttora sotto interrogatorio in un ufficio dell'Fbi di Manhattan e che sono stati fermati a Brooklyn sulla Belt Parkway, una delle arterie che portano il principale aeroporto della metropoli, il JfK.