Il Ministero degli Esteri russo ha riferito circa l'uso di armi chimiche da parte di militanti in Siria e in Iraq

Venerdì, 13 Gennaio, 2017 - 15:30

I militanti del gruppo terroristico "Stato islamico", "Dzhabhat en-Nusra" e alcuni altri usano in Siria e in Iraq le armi chimiche, in particolare - iprite e sarin. Lo ha detto il rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

"La ricorrenza del terrorismo chimico in Medio Oriente, in particolare in Siria e Iraq, non può che causare una grave preoccupazione", - ha detto lei.

Come ha sottolineato Zakharov, si tratta non solo dell'uso dei prodotti chimici industriali e domestici, come il cloro, ma anche di sostanze tossiche come sarin e iprite.

In precedenza, le autorità siriane hanno dato le prove dell’uso di armi chimiche ai rappresentanti dell'Organizzazione per la proibizione delle armi (OPCW).