Calderoli: 300 mila immigrati in arrivo e il Governo non fa nulla

Giovedì, 30 Giugno, 2016 - 08:15

"Nell'ultima settimana sono sbarcati sulle coste italiane oltre 13 immigrati e in mattinata altri 650 sono stati recuperati dalle nostro navi. L'agenzia europea Frontex anche oggi ha rinnovato l'allarme sull'arrivo di 300 mila immigrati dalla Libia nel prossimo semestre e intanto il Governo cosa fa: nulla. O meglio allestisce una vergognosa tendopoli a Roma e raschia il barile rastrellando gli ultimi posti disponibili nelle strutture del Nord, in particolare in Lombardia già gravata da oltre 15mila richiedenti asilo che affollano le strutture disponibili. È già che ci siamo, nelle ultime ore stiamo leggendo di richiedenti asilo arrestati perché spacciano droga in Veneto o aggrediscono le donne sui treni in Friuli, e stiamo leggendo di richiedenti asilo che se la spassano alle terme in Lombardia a spese dei contribuenti e che addirittura reclamerebbero 'donne disponibili a soddisfare le loro voglie sessuali' come avrebbero richiesto tramite un operatore sociale in Alto Adige. Al di là di questi episodi specifici è evidente che non possiamo permetterci di mantenere 120mila nullafacenti in alberghi o pensioni, a bighellonare e a divertirsi con le nostre paghette, quando va bene, o a delinquere, come accaduto appunto nelle ultime ore in Veneto e Friuli. Ora basta, il Governo si è assunto ieri in Senato, votando una mia risoluzione, l'impegno a velocizzare i rimpatri degli irregolari, per cui dalle parole si passi ai fatti: si velocizzino le procedure per le richieste di protezione umanitaria e una volta verificata la mancanza di requisiti, perché tanto il 90% di questi non ha alcun titolo per essere considerato un profugo, si prendano questi giovanotti e li si rispedisca da dove sono venuti". Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato e Responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord. (newsagielle.it)