Le primarie americane sono finite

07.06.2016

Il 7 giugno i residenti di 6 stati americani voteranno alle primarie presidenziali. Questa fase è la finale, dopo l'annuncio dei risultati sarà giudicato il quadro completo alla vigilia delle convenzioni politiche degli partiti Repubblicano e Democratico.

Imminente Trump

Donald Trump ha ottenuto 1237 voti necessari nell'ultima fase del voto e sarà sicuramente essere nominato come il candidato del partito repubblicano. La cerimonia si terrà 18-21 luglio a Cleveland, Ohio.

Testardo Sanders

Nonostante il fatto che Hillary Clinton ha ottenuto 2383 voti necessari per la nomina del Partito Democratico, Bernie Sanders non si arrende. Egli spera ancora ai superdelegati, che possono cambiare le loro menti alla convenzione del Partito Democratico, che si terrà a Filadelfia il 25-28 luglio. Dal momento che nell'ultima parte delle primarie c’è un tale stato enorme come la California, tecnicamente Sanders ha la possibilità di colmare il divario. Ma se si guardano le cose con realismo, Clinton vincerà.

La tradizione contro il capitale globale

L’elezioni presidenziali nel 2016 impersoneranno il confronto tra tradizione e globalismo liberale. Se gli americani scelgono Donald Trump, il mondo ha più propensi di entrare in una fase più stabile di sviluppo e l'America tornerà alle sue radici. Se vince Clinton, l'attuale situazione critica può peggiorare e, forse, scatenando un nuovo conflitto armato con le conseguenze imprevedibili.