La tregua siriana è destinata al fallimento

11.09.2016

Una nuova tregua è stata dichiarata in Siria. In conformità con l'accordo raggiunto tra la Russia e gli Stati Uniti, dalle 00:00 del 12 settembre (ora locale) è stata annunciata una tregua. Essa avrà una durata di 48 ore. Si afferma che un cessate il fuoco sarà prolungato, tuttavia, molto probabilmente non porterà ad alcun risultato significativo.

L’ereditarietà pesante

L’accordo tra la Russia e gli Stati Uniti è stato annunciato il venerdì, dopo i colloqui tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il Segretario di Stato americano John Kerry. Tutti gli accordi precedenti di questo tipo dimostrano che sono controproducenti. Di solito gli islamici, sostenuti dagli Stati Uniti, usano queste tregue temporanee per l'ammodernamento e l'aggiornamento del personale, e poi, riprendono le ostilità.

PR americano

La minaccia di cattura di Aleppo da parte delle forze del governo siriano ha costretto gli Stati Uniti a spingere questo accordo, che sicuramente sarà utilizzato per rafforzare la posizione degli islamisti. Inoltre, l'amministrazione di Obama cerca di dimostrare almeno qualcosa, come i "successi" nella sua politica in Siria.

La guerra è continua

Nonostante le affermazioni, la guerra è continua ad Aleppo e nel sud della Siria. Gli islamici radicali continuano ad attaccare le forze governative e i civili. Questa volta l'opposizione siriana ha chiesto le condizione impossibile - dissociarsi con l'ex "Al-Nusra" (ora "Dzhebhat Fatah al-Sham"). Dato che tutti gli islamisti stanno cooperando con questa organizzazione terroristica, tutti loro sono bersagli legittimi per l'aviazione russa. A sua volta, non esiste una struttura unificante e non è chiaro chi è il soggetto della tregua tra l'opposizione.