La Bulgaria non vuole combattere con la Russia nel Mar Nero

17.06.2016

La Bulgaria è opposta alla creazione di una flotta della NATO unificata nel Mar Nero. In precedenza la corrispondente proposta è stata fatta dalla Turchia e Romania. Il primo ministro bulgaro, Boyko Borisov, ha detto che il suo paese non ha intenzione di resistere a chiunque nella regione.

Contro la russophobia

La flotta unificata della NATO nel Mar Nero sarà diretta contro la Russia. L’inasprimento della Bulgaria nel progetto anti-russo non è stato soddisfatto dell’autorità del paese. Nella ortodossa slava Bulgaria ci sono forti sentimenti filo-russi. Il precedente gesto anti-russo, compreso il rifiuto di partecipare al "South Stream", non ha portato nulla.

La previsione

La domanda di rafforzare la presenza militare della NATO nel Mar Nero sarà sollevata al vertice dell'Alleanza a Varsavia l'8-9 luglio nel 2016. Molto probabilmente che gli Stati Uniti saranno in grado di spezzare la resistenza dei bulgari. Essi possono permettersi di opporsi a questa iniziativa, finché essa non proviene dagli Stati Uniti, ma possono cambiare la sua posizione se la proposta sarà fatta da Washington.