Il primo ministro dell'India è andato in Africa

07.07.2016

All'ordine del giorno la visita in Mozambico, Sud Africa, Kenya e Tanzania.

Il "potere morbido" indiano contro cinese

Questa visita senza precedenti di Narendra Modi sarà il tentativo per stabilire l'impatto economico sui paesi africani ricchi di risorse naturali. La Cina è prima dell'India nella sua influenza e progetti in Africa. Solo lo scorso anno, il fatturato del commercio della Cina con i paesi africani ha superato 200 miliardi di dollari.

In precedenza, l'India aveva firmato un accordo con l'Iran sugli investimenti nel porto vicino al confine con il Pakistan. Il porto pakistano di Gwadar è sotto controllo cinese. Date le tensioni pakistano-indiane con l'Iran, il progetto ha chiaramente la natura del confronto geo-strategico.

1,3 milioni di indiani vivono in Africa e il lavoro con la diaspora sempre attentamente stato preso in considerazione da New Delhi nei rapporti diplomatici.

Sullo sfondo del BRICS

Va notato che l'India e la Cina usano i diversi approcci che l'Occidente e le organizzazioni internazionali come il Fondo monetario internazionale. Inoltre, un partner attivo dell'India in questa organizzazione è il Sud Africa. Gli scambi bilaterali nel corso dell'ultimo anno ha superato 6 miliardi di dollari. Il cambiamento del bilanciamento del ruolo dei membri del BRICS sulla scena internazionale a causa di progetti complessi in futuro può portare la riformazione del discorso globale.

L'intervento di Washington

Recentemente, gli Stati Uniti stanno cercando di accelerare i lavori sulla strada indiana. Modi di recente ha visitato Washington, dove ha firmato una serie di accordi, compreso il trasferimento di tecnologia militare in India.

New Delhi giustifica un tale approccio come un partenariato multilaterale. Ma questa posizione ambigua della autorità indiane sta provocando i sospetti in Cina e Russia.